Indagine sui chirotteri presenti nel territorio nazionale del Casentino, Monte Falterona e Campigna

Utilizzando un rilevatore di ultrasuoni lungo percorsi standardizzati sono state identificate a livello specifico 15 specie di sicura identificazione con questa metodologia tra cui: il Barbastello (Barbastella barbastellus), il Miniottero (Miniopterus schreibersi), il Pipistrello soprano (Pipistrellus pygmaeus), il Vespertilione Smarginato (Myotis emarginatus), il Rinolofo maggiore (Rhinolophus ferrumequinum), il Rinolofo minore (Rhinolophus hipposideros), la Nottola (Nyctalus noctula) e la Nottola di Leisler (Nyctalus leisleri).

È stata svolta anche un’analisi delle preferenze ambientali dei Chirotteri relativamente a quota ed esposizione, evidenziando le aree del parco maggiormente frequentate. Tali aree sono rappresentate soprattutto dai versanti caldi con buone esposizioni al sole durante il giorno, in particolare nell’area toscana del Parco, e dai fondovalle dei principali solchi vallivi.