Indagine sulla presenza del lupo sui Monti Aurunci

Nel 2005 all’associazione viene affidato l’incarico di indagare la presenza del lupo (Canis lupus) nell’area del Parco dei Monti Aurunci.

Il progetto inizia con un indagine conoscitiva presso le aziende zootecniche nell’area protetta che porta alla ribalta la situazione dei danni che spesso queste subiscono da parte di canidi (cane e/o lupo).
Durante l’inverno sono state effettuate delle uscite su neve per individuare le tracce che il lupo lascia durante i suoi spostamenti. Tali tracciature hanno permesso ai ricercatori di verificare la presenze del lupo in alcune aree; presenza confermata dalle analisi di tipo genetico effettuate su alcuni campioni fecali raccolti durante questa fase di lavoro.

Infine tramite l’utilizzo di alcune trappole fotografiche è stato possibile addirittura scattare una foto a questo schivo predatore.

Il ritorno di questo animale non deve assolutamente creare allarmismi nell’opinione pubblica, permeata ancora sull’atavica paura del “lupo cattivo” e su miti popolari ereditati dal passato. Oggi infatti la sua presenza è indice del buono stato di salute dell’ambiente e offre interessanti spunti di ricerca e di turismo sostenibile.