Stazione d’inanellamento – Isola di Zannone 2010

L’ Associazione Cibele nel 2010 è stata impegnata, come ormai di consueto, nel monitoraggio della migrazione primaverile degli uccelli. Studio che quest’anno ha indagato un periodo molto più ampio (18 marzo – 20 maggio) rivolto non solo ai migratori transahariani, generalmente marcati nel canonico intervallo 15 aprile – 15 maggio, ma anche ai migratori cosiddetti “corti” che attraversano il mediterraneo fra marzo ed aprile.
Quest’anno il monitoraggio si è concentrato sull’isola di Zannone, dove ha operato una stazione d’inanellamento inserita nel Progetto Piccole Isole, coordinato a livello nazionale dal CNI (centro inanellamento italiano) dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Ricerca ambientale) ex INFS (Istituto Nazionale per la Fauna Selvatica).
L’isola incontaminata del Parco Nazionale del Circeo è stata come ogni anno teatro dello spettacolo incredibile messo in scena dagli uccelli in migrazione, ma solo quest’anno questo fenomeno è stato indagato per l’intero periodo ed i risultati sono stati notevoli. Nel 2009 gli uccelli marcati sono stati 9600, quest’anno sono stati superati i quasi 17.000 appartenenti a 80 specie diverse.
Fra queste spiccano per rarità 7 individui di Balia dal semicollare, si consideri che fino al 2005 per l’Italia erano note solo 32 segnalazioni (Brichetti – Fracasso; 2008). Numerose sono state le catture di rapaci: oltre 20 Gheppi di cui uno con anello Finlandese, 1 Nibbio Bruno e 1 Lodolaio. Altre specie che molto raramente vendono marcate durante il Progetto Piccole Isole sono state l’Occhione, il Rondone Pallido, lo Zigolo Capinero, Ortolano e la Ghiandaia Marina.

Per altre specie invece è stato più che sorprendente il numero d’individui marcati, come le oltre 150 unità di passera sarda e gli 80 Succiacapre (26 dei quali in un unico giorno, un vero Record!).
Altro record estremamente positivo è stato il numero di volontari, circa 50, giunti da ogni parte d’Italia per alternarsi in questa staffetta di 8 settimane d’indagine. In circa 60 giorni di monitoraggio sono state compilate 1134 schede di rilevamento ed i transetti di cattura sono stati controllati più di 900 volte; ma il risultato più importante è stato aggiungere dei tasselli di conoscenza a quello splendido mosaico ancora per molti aspetti incompleto che è la migrazione.